But do not ask the price I paid,
ma non chiedermi che prezzo ho pagatoI must live with my quiet rage,
devo vivere con la mia quieta ira Tame the ghosts in my head,
doma lo spettro nella mia testaThat run wild and wish me dead.
che vaga libero e la mia morte bramaShould you shake my ash to the wind
spargerai le mie ceneri al ventoLord, forget all of my sins
Signore, perdona i miei peccati
Oh, let me die where I lie
Oh, lasciami morire qui distesoNeath the curse of my lover’s eyes.
sotto lo sguardo maledetto del mio amante

But do not ask the price I paid,
ma non chiedermi che prezzo ho pagato
I must live with my quiet rage,
devo vivere con la mia quieta ira 
Tame the ghosts in my head,
doma lo spettro nella mia testa
That run wild and wish me dead.
che vaga libero e la mia morte brama
Should you shake my ash to the wind
spargerai le mie ceneri al vento
Lord, forget all of my sins
Signore, perdona i miei peccati
Oh, let me die where I lie
Oh, lasciami morire qui disteso
Neath the curse of my lover’s eyes.
sotto lo sguardo maledetto del mio amante

lover's eyes mumford and sons Der Mönch am Meer monaco in riva al mare caspar david friedrich Lord sin friedrich romanticismo painting poetry song prayer the monk by the sea romanticism art man nature

Vivere la vita è una cosa veramente grossa 
C’è tutto il mondo tra la culla e la fossa 
Sei partito da un piccolo porto 
Dove la sete era tanta e il fiasco era corto 
E adesso vivi…. 
Perché non avrei niente di meglio da fare 
finchè non sarai morto 
La vita è la più grande ubriacatura 
Mentre stai bevendo intorno a te tutto gira 
E incontri un sacco di gente 
Ma quando passerà non ti ricorderai più niente 
Ma non avere paura, qualcun’ altro si ricorderà di te 
Ma la questione è…Perché??? 
Perché ha qualcosa che gli hai regalato 
Oppure avevi un debito…e non l’hai pagato??? 
Non c’è cosa peggiore del talento sprecato 
Non c’è cosa più triste di una padre che non ha amato… 

Vivere la vita è come fare un grosso girotondo 
C’è il momento di stare sù e quello di cadere giù nel fondo 
E allora avrai paura 
Perché a quella notte non eri pronto 
Al mattino ti rialzerai sulle tue gambe 
E sarai l’uomo più forte del mondo 
Lei si truccava forte per nascondere un dolore 
Lui si infilava le dita in gola….per vedere se veramente aveva un cuore 
Poi quello che non aveva fatto la società l’ha fatto l’amore… 
Guardali adesso come camminano leggeri senza un cognome…. 

Puoi cambiare camicia se ne hai voglia 
E se hai fiducia puoi cambiare scarpe… 
Se hai scarpe nuove puoi cambiare strada 
E cambiando strada puoi cambiare idee 
E con le idee puoi cambiare il mondo… 
Ma il mondo non cambia spesso 
Allora la tua vera Rivoluzione sarà cambiare tè stesso 
Eccoti sulla tua barchetta di giornale che sfidi le onde della radiotelevisione 
Eccoti lungo la statale…che dai un bel pugno a uno sfruttatore 
Eccoti nel tuo monolocale… che scrivi una canzone 
Eccoti in guerra nel deserto che stai per disertare 
E ora…eccoti sul letto che non ti vuoi più alzare… 
E ti lamenti dei Governi e della crisi generale… 

Posso dirti una cosa da bambino??? 
Esci di casa! Sorrdi!! Respira forte!!! 
Sei vivo!!!…cretino…. 

http://youtu.be/CI64l3FiZzg

Vivere la vita è una cosa veramente grossa
C’è tutto il mondo tra la culla e la fossa
Sei partito da un piccolo porto
Dove la sete era tanta e il fiasco era corto
E adesso vivi….
Perché non avrei niente di meglio da fare
finchè non sarai morto
La vita è la più grande ubriacatura
Mentre stai bevendo intorno a te tutto gira
E incontri un sacco di gente
Ma quando passerà non ti ricorderai più niente
Ma non avere paura, qualcun’ altro si ricorderà di te
Ma la questione è…Perché???
Perché ha qualcosa che gli hai regalato
Oppure avevi un debito…e non l’hai pagato???
Non c’è cosa peggiore del talento sprecato
Non c’è cosa più triste di una padre che non ha amato…

Vivere la vita è come fare un grosso girotondo
C’è il momento di stare sù e quello di cadere giù nel fondo
E allora avrai paura
Perché a quella notte non eri pronto
Al mattino ti rialzerai sulle tue gambe
E sarai l’uomo più forte del mondo
Lei si truccava forte per nascondere un dolore
Lui si infilava le dita in gola….per vedere se veramente aveva un cuore
Poi quello che non aveva fatto la società l’ha fatto l’amore…
Guardali adesso come camminano leggeri senza un cognome….

Puoi cambiare camicia se ne hai voglia
E se hai fiducia puoi cambiare scarpe…
Se hai scarpe nuove puoi cambiare strada
E cambiando strada puoi cambiare idee
E con le idee puoi cambiare il mondo…
Ma il mondo non cambia spesso
Allora la tua vera Rivoluzione sarà cambiare tè stesso
Eccoti sulla tua barchetta di giornale che sfidi le onde della radiotelevisione
Eccoti lungo la statale…che dai un bel pugno a uno sfruttatore
Eccoti nel tuo monolocale… che scrivi una canzone
Eccoti in guerra nel deserto che stai per disertare
E ora…eccoti sul letto che non ti vuoi più alzare…
E ti lamenti dei Governi e della crisi generale…

Posso dirti una cosa da bambino???
Esci di casa! Sorrdi!! Respira forte!!!
Sei vivo!!!…cretino….

http://youtu.be/CI64l3FiZzg

mannarino alessandro mannarino vivere la vita bambino vita adulto

fotojournalismus:

Airstrikes in Gaza | July 2014

1. An Israeli activist carries a placard during a protest against the war on the Gaza strip, in the Israeli city of Tel Aviv on July 9, 2014. (Ahmad Gharabli/AFP/Getty Images)

2. Smoke and flames are seen following an Israeli air strike in Rafah in the southern Gaza Strip on July 9, 2014. (Reuters)

3. Palestinian relatives mourn during the funeral of members of Hamad family in the town of Beit Hanoun in the northern Gaza Strip on July 9, 2014. (Mohammed Salem/Reuters)

4. Palestinians inspect the remains of a car which was hit in an Israeli air strike in Gaza City on July 9, 2014. (Ashraf Amrah/Reuters)

5. Relatives of eight Palestinian members from al-Haj family, who medics said were killed in an early morning air strike that destroyed at least two homes, mourn during their funeral in Khan Younis in the southern Gaza Strip on July 10, 2014. (Ibraheem Abu Mustafa/Reuters)

6. A picture taken in Gaza City on July 10, 2014 shows a damaged building after it was hit by an Israeli air strike. (Mohammed Abed/AFP/Getty Images)

7. A Palestinian woman runs carrying a girl following an Israeli air strike on a house in Gaza city on July 9, 2014. (Majdi Fathi/Reuters)

8. Two boys stand near damage caused by Israeli warplanes in Gaza on July 10, 2014. (Yasser Qudih/NurPhoto/Corbis)

9. Israelis watch as smoke rises after air strikes across the border in northern Gaza on July 8, 2014. (Amir Cohen/Reuters)

10. A Palestinian boy plays in the rubble of a destroyed house the day after an Israeli strike in the town of Beit Hanoun, northern Gaza Strip on July 9, 2014. (Khalil Hamra/AP)

(Sources: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9)

GHOST OF CLARENCE

(to RICHARD) Let me sit heavy in thy soul tomorrow,
I, that was washed to death with fulsome wine,
Poor Clarence, by thy guile betrayed to death.
Tomorrow in the battle think on me,
And fall thy edgeless sword. Despair, and die!

"Ch’io possa con il peso d’un macigno seder sulla tua anima domani…
io, che fui immerso a morte,
povero me, in nauseabondo vino, tradito a morte dalla tua perfidia… Domani, nella battaglia, pensa a me,
e cada la tua spada senza filo. Dispera e muori."

GHOST OF CLARENCE

(to RICHARD) Let me sit heavy in thy soul tomorrow,
I, that was washed to death with fulsome wine,
Poor Clarence, by thy guile betrayed to death.
Tomorrow in the battle think on me,
And fall thy edgeless sword. Despair, and die!

"Ch’io possa con il peso d’un macigno seder sulla tua anima domani… io, che fui immerso a morte, povero me, in nauseabondo vino, tradito a morte dalla tua perfidia… Domani, nella battaglia, pensa a me, e cada la tua spada senza filo. Dispera e muori."

ghost clarence richard the third riccardo terzo shekespeare tragedy alessandro gassman teatro death battle despair and die